Detrazioni fiscali per condizionatori

detrazione fiscale condizionatore climatizzatore
Detrazioni sui condizionatori come funziona? Innanzitutto, va detto che la percentuale detraibile che spetta a chi acquista un condizionatore, dipende dal tipo di intervento e dal modello di impianto, in quanto da ciò dipende se il bonus condizionatore rientra nel bonus ristrutturazione, risparmio energetico o bonus mobili ed elettrodomestici.

Quando l’acquisto di un condizionatore, viene effettuato a seguito della realizzazione di opere edilizie specifiche nell’abitazione o nelle parti comuni degli immobili residenziali, spetta le detrazioni del 50% sul prezzo di acquisto, ristrutturazioni edilizie 2018.

Per usufruire dello sgravo fiscale occorre che il condizionatore acquistato, sia mirato al risparmio energetico, anche se non è obbligatorio che sia ad alta efficienza e all’integrazione o sostituzione dei condizionatori preesistenti con impianti dotati di raffreddamento e riscaldamento, dotati cioè di pompe di calore.

Al fine di ottenere il diritto al bonus condizionatori 2018, come spesa detraibile dalla dichiarazione dei redditi tramite modello 730 e Unico, il cittadino o l’impresa, deve eseguire l’acquisto o la sostituzione del climatizzatore, secondo le modalità prescritte dalla Legge, ovvero: tramite bonifico postale o bancario ordinario.

Le ricevute dei pagamenti e le fatture di acquisto del condizionatore, riportanti la natura, qualità e quantità dei beni e servizi acquistati, valgono come documentazione fiscale da conservare.

Wedo2 si occupa di tutte le pratiche burocratiche di detrazioni legate alla nuova installazione, fornendo assistenza 365 giorni l’anno.

 

Scopri 10 semplici modi per risparmiare con un climatizzatore ad inverter

 

Scopri Il nostro servizio di installazione  di Condizionatori ad inverter
(vendita, installazione, assistenza e manutenzione nella provincia di Padova, Vicenza, Verona, Venezia, Treviso, Modena, Parma, Reggio Emilia e Bologna)