Connect with us

Spiga: “Ecco cosa significa per noi il Made in Italy. Il nostro plus è…”

Caldaie a condensazione

Spiga: “Ecco cosa significa per noi il Made in Italy. Il nostro plus è…”

Made in Italy? Un’etichetta che, forse, gli italiani fanno ancora fatica a comprendere…

 

Luca Spiga, direttore commerciale di Biasi Savio Group, ha fatto il punto sul mercato e sulla caldaia a condensazione, ancora poco conosciuta e sviluppata nel BelPaese.

“Fin dalla sua storia si è concentrata sulla produzione totalmente Made in Italy. E’ un cavallo di battaglia per BSG anche se non è la stessa cosa per gli italiani che hanno l’abitudine di preferire marchi esteri. Cito un esempio: se Amazon ha investito 2 anni per creare un portale sul Made in Italy ci sarà un motivo. E’ apprezzata in tutto il mondo questa etichetta. Anche gli italiani dovrebbero puntare su questo plus che il Paese ha”.

E a proposito di plus le caldaie che vengono prodotte dal gruppo vengono testate singolarmente…
“Abbiamo la possibilità di testare ogni singola caldaia. Una volta si facevano test a campione. Noi nell’ultimo decennio abbiamo sviluppato una metodologia tale che ci consente di testare a fine linea tutte le caldaie. Possiamo dire con tutta tranquillità che sono testate al cento per cento”.

 

Made in Italy Pordenone Stabilimento Biasi

Made in Italy. Lo Stabilimento di Biasi Savio Group a Pordenone dove vengono testate singolarmente tutte le caldaie

E sempre a proposito di Plus, il prodotto di punta del gruppo è l’Inovia Cond Plus
“Assolutamente. E’ il prodotto di punta perché abbiamo sviluppato anche lo Scambiatore primario. Prima veniva costruito all’estero e c’era un monopolio di un’azienda. Le caldaie a condensazione erano simili una con le altre. Con questo scambiatore nostro e interno diciamo di poter dire di avere un plus”.

Perché la condensazione? A cosa serve?
“Molti stati Nord europei hanno già intrapreso questo percorso perché il prodotto a condensazione è meno inquinante. Lavora in regime di temperatura molto più basso. In Italia, purtroppo, in alcune tecnologie tendiamo a ritardarne l’applicazione”.

“Forse non abbiamo uno spirito così green come italiani, tenendo presente sempre che le componenti delle nostre abitazioni non consentono una rapida sostituzione perché bisogna valutare sempre che tipo di impianto c’è, casa dopo casa. La norma comunque ci impone di andare in questa direzione, ovvero quello della condensazione”.

CONTINUA…

Clicca qui per commentare

Rispondi

Altro su Caldaie a condensazione

Recenti

Rimani aggiornato sui nostri Post

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

To Top