Connect with us

Caldaia non va: arriva la Polizia

Cronaca

Caldaia non va: arriva la Polizia

La Caldaia non va. La Polizia la accende.

Trovarsi un bel 4 sul registro rompe sempre le scatole. Se fai il cattivo a scuola i prof sono anche capaci di sospenderti e mandarti a casa per un bel pezzo. Non andare a scuola perché invece le caldaie sono rotte è un altro discorso.

Le temperature rigide di inizio gennaio hanno bloccato gran parte dell’Italia e le temperature sono andate anche di molto sotto lo zero. Tant’è che in Sicilia, l’istituto comprensivo Santo Canale di Pertanna Mondello è stato al centro delle attenzioni mediatiche perché i termosifoni erano molti freddi e, vista la sofferenza degli alunni, i genitori si sono visti costretti a chiamare la Polizia per accendere il riscaldamento.

C’erano dei lavori da fare agli impianti, questo però non è stato giustificabile secondo le autorità giudiziarie che hanno ripristinato il riscaldamento consentendo ai professori di dare lezione agli alunni. Eppure i termosifoni erano ancora freddi ed è stato appurato dalle mamme degli alunni che la caldaia non era collegata all’impianto idrico. L’acqua calda veniva prodotta da sei scaldabagno che, a quanto pare, erano tutti fuori uso perché guasti.

Continua a leggere
Potrebbe interessarti anche...
Clicca qui per commentare

Rispondi

Altro su Cronaca

Recenti

Rimani aggiornato sui nostri Post

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

To Top